Overclockersmania nasce nel 2009 a Cagliari ma attualmente con sede in Svizzera fornisce la giusta attrezzatura a neofiti, esperti e professionisti del gaming in Italia e Svizzera.

OCmania e l’abbreviazione del nome della ditta dal 2014 con sede a Bellinzona.

L’azienda ha come scopo lo sviluppo, l'importazione e la vendita di articoli da gaming di ogni genere.
Per questa ragione OCmania ha assemblato pc da gaming con qualita prezzo e su misura alla richiesta del cliente. In Italia ma anche in Svizzera la disciplina del e-sport, a differenza dei Paesi limitrofi o degli Stati Uniti, è ancora troppo poco sviluppata. Sono pochi i tornei di e-sport disponibili al pubblico, non esistono negozi specializzati che offrano un’ampia gamma di prodotti e una selezione di prodotti chiaramente differenziati per qualità e prezzo. In ragione della forte richiesta di tornei di gaming pubblici viene allestita una sala gaming all'interno di un truck per provare i PC e i set gaming, e più in generale, dell’apprezzamento della disciplina e-sport per aumentare anche le vendite di attrezzature da gaming. Diversi tentativi sono andati bene ma per la mancanza di know-how e la lenta commercializzazione ancora non e a livello delle altre nazioni.

Per e-Sport si intendono comunemente gli “Sport Elettronici” ossia quell’insieme di attività competitive che impiegano videogiochi, quindi con supporti informatici (computer, console, tablet, smartphone…), per essere svolte. Ad oggi non esiste una definizione univoca che possa distinguere quali titoli video-ludici rientrino nella categoria di e-Sport ma ci si basa sull’interesse del pubblico che elegge i titoli più popolari nell’olimpo degli e-Sport (ossia le competizioni più popolari e con i premi più alti al mondo). Molto spesso questa scelta è dettata anche dalla stessa evoluzione tecnologica che segna il passaggio da un’era video-ludica, per cosi’ dire, all’altra. In questo senso le prime “ere video-ludiche” risalgono agli anni ottanta con la diffusione dei primi “home computer” e quindi dei primi titoli video-ludici, per i quali ancora non si parlava di vero e proprio e-Sport. Possiamo datare i primi tornei video-ludici contemporanei (ossia che hanno dato poi vita a circuiti durati almeno un decennio) 1998 con i seguenti titoli: StarCraft: Brood War e Quake II. Ad oggi i titoli video-ludici per i quali sono sviluppati tornei o circuiti competitivi sono rica un centinaio e aumentano di anno in anno.

Altra tendenza evolutiva di questo settore, riscontrata negli ultimi anni, è il riconoscimento dell’attività video-ludica come disciplina sportiva. Al livello internazionale alcune Nazioni hanno già riconosciuto queste attività come sportiva ed è anche nata una Federazione Internazionale (International e-Sports Federation) che punta al riconoscimento come prima federazione sportiva dal Comitato Olimpico Internazionale e da SportAccord.

Gli e-sportivi sono definiti come professional gamer o progamer, in quanto la loro attività videoludica non è né fine a se stessa, né ha il solo scopo di divertimento, ma è volta alla competizione. Difatti, i cyber atleti hanno un contratto regolare, ore obbligatorie di allenamento giornaliero – in media tra le 4-8 ore – per la partecipazione a tornei online o in loco (Dreamhack, per dirne uno). Sono definiti cyber atleti, in quanto riconosciuti dagli enti di promozione sportiva e sponsorizzati da diversi investitori e, per questo – al di là dell’etichetta di sport o meno – meritevoli di attenzione. Sarà noto per alcuni come fra le sponsorizzazioni compaiono la Razer, Logitech, Red Bull, Coca Cola, Nike e anche brand come Mercedes o BMW: da ciò si può intuire l’interesse economico di questo panorama. I professionisti possono giocare in singolo o in team, rispetto al tipo di gioco in cui si stanno professionalizzando e questo, come è ovvio pensare, andrà sicuramente ad influire sul tipo di allenamento dei videogiocatori.

 

Il guadagno percepito dei giocatori, come per qualsiasi altro sport, non dipende solo dal prize pool vinto ai tornei, ma possono essere remunerati separatamente grazie agli sponsor. In cima alla nostra lista dei tornei troviamo ‘KuroKy’, Kuro Salehi Takhasomi, un cyber-atleta tedesco di Dota 2 che ha guadagnato oltre 4 milioni di dollari, subito dopo ‘N0tail’, con un guadagno superiore ai 3 milioni sempre per lo stesso titolo.

‘Ninja’, Tyler Blevins, è uno dei progamer più conosciuti: è passato da essere uno dei migliori giocatori di Halo 3 ad essere uno degli streamer su Twitch più seguiti. Grazie all’onda di Fornite si è guadagnato nel 2018 circa 10 milioni di dollari.

Corentin ‘MAESTRO’ Thullier e Lucas ‘DaXe’ Cuillerier, rispettivamente il numero 6 al mondo su Ps4 e il numero 5 al mondo su Xbox One, hanno vinto la eNation Cup di Fifa 19, la competizione ideata da Electronic Arts, aggiudicandosi un premio di 40 mila dollari.

Anche in Italia, a proposito di FIFA, possiamo vantare nomi come Fabio Denuzzo, Mattia ‘Lonewolf’ Guarracino o Nicolò “Insa”Mirra ex cyber atleta della squadra eSport dell’AS Roma e ad oggi entrato in Qlash. Stermy, Stefano Avallone, ha guadagnato fino a 234 mila dollari in una carriera tra Quake Champions e Painkiller; Riccardo Reynor Romiti, a soli 16 anni è riconosciuto come uno dei progamer più forti al mondo di StarCraft, grazie ai suoi 67 tornei ha guadagnato 53 mila dollari. Daniele ‘Jiizukè’Di Mauro, professionista italiano che ha trovato il coraggio di lasciare l’italia per divenire un atleta nel team francese Vitality per il gioco League of Legends, guadagna ora 45 mila $. Luciano Calvanico, infine, conosciuto come ‘Mose’, è professionista su Halo 5, vinto l’anno scorso col Team Infused, aggiudicandosi un montepremi di 25.000 $.

Al di là dei singoli guadagni, secondo il portale esportsearnings il totale del prize pool dei tornei del 2019 sarà di 28 milioni di dollari, questo dato ci induce a riflettere su quanto sia necessario investire sull’esport.

 

Diventare ed essere un progamer non è tutto divertimento, richiede tempo, costanza, dedizione e determinazione a vincere. Il tempo previsto dal contratto di allenamento varia a seconda della necessità, se siamo vicino a delle competizioni o meno, per esempio il team Liquid di League of Legend pratica 50 ore di gioco a settimana. L’allenamento di un eSportivo – attraverso scrim contro altri e la visione delle proprie e altrui partite per imparare dagli errori – si basa molto di più sulla mente, con lo studio di strategie, dei nuovi aggiornamenti del gioco e sulla capacità di mantenersi calmo, allenando il decision making; uno sportivo tradizionale, invece, allenerà soprattutto i muscoli che gli servono nell’attività sportiva. Ma anche gli e-sportivi singoli o in team, essendo impegnati in attività perlopiù sedentarie, sono seguiti da coach e hanno delle schede giornaliere da seguire in cui vi sono delle sessioni regolari di fitness ed una speciale dieta.

Un esempio di routine giornaliera si articola così: alzarsi e bere un bicchiere d’acqua, mangiare sano riducendo al minimo gli zuccheri aggiunti preferendo le proteine e fare del workout giornaliero al mattino. Dopo un pranzo sano vengono invitati a fare delle passeggiate per accelerare il metabolismo, per poi dedicarsi all’allenamento pomeridiano. L’attività fisica non è solo sufficiente per avere una miglior performance, ma risulta necessaria, permettendo di scaricare lo stress soprattutto per chi è impegnato in attività in cui si richiede di stare seduti per la maggior parte del tempo. Gli sport più praticati dagli sportivi risultano essere il nuoto, la corsa, la palestra e lo yoga, proprio perché permettono di costruire una buona postura per chi, come detto sopra, tende ad accumulare molta pressione sulla schiena e nella zona addominale. Anche per loro risulta essere importante una buona qualità del sonno – come per tutti, del resto – motivo per cui nelle loro schede di routine giornaliera vengono richieste almeno 8 ore di sonno a notte.

Questi dati ci fanno capire come l’esportivo non è soltanto una persona appassionata di gaming, non basta giocare quando ci capita e ogni tanto vincere per definirci progamer: al tempo fosse una realtà più amatoriale che professionale, dovevo giocare anche quando magari ero stanca e l’unico desiderio era dedicarsi ad altro. Come del resto un calciatore professionista non è il ragazzino che va a giocare con gli amici al pomeriggio nel campetto vicino casa, e questo lo sapete voi meglio di me. Pertanto, la prima attitudine di un professionista, che sia di uno sport tradizionale o di uno digitale, è avere la mentalità competitiva, voler vincere e migliorarsi continuamente.

 

SERIE A – La formazione potrebbe essere utile al futuro di ragazzi e ragazze interessati a questo mondo tanto atipico quanto ricco di opportunità. Da questo punto di vista i club italiani già stanno investendo da qualche anno. Troviamo innanzitutto la Sampdoria (a seguire poi Roma, Empoli, Parma, Cagliari, Perugia), e in Svizzera il Basilea rinnovato l’accordo con i suoi tre professionisti dei videogiochi che scadranno a settembre 2019. Il trio – composto da Tim “TheStrxngeR” Katnawatos, Florian “CodyDerFinisher” Müller e Luca “LuBo” Boller – rappresenterà dunque ancora la società rossoblù nella prossima stagione di FIFA19. Joachim Reuter, responsabile renano della sezione eSports, si è così espresso al sito ufficiale del club: “Con le loro costanti prestazioni, Tim e Florian si sono distinti nella stagione di FIFA18, diventando appetibili per le altre squadre. Siamo perciò orgogliosi di essere riusciti a mantenerli nei nostri ranghi. Luca, dal canto suo, è uno dei migliori giocatori svizzeri in circolazione. In lui vediamo un grande potenziale. La sua popolarità nella ‘FIFA-Community’ è uno di quegli aspetti che ha fatto propendere per il rinnovo” In Italia che ha messo sotto contrattoil diverse volte campione italiano di FIFA, Mattia Guarracino, che di certo non si è formato in una scuola di eSports. “Mattia ha una grande libertà d’azione per quanto riguarda l’apprendimento e gli allenamenti, mentre noi facciamo un grande lavoro di comunicazione, uno degli aspetti più carenti per questo tipo di profilo. Si è dovuto preparare a decine e decine di interviste: è stato il tesserato di Sampdoria ad essere più intervistato in questo biennio”, ci hanno riferito proprio da Sampdoria. Questo sta a significare due cose: che la “fabbrica del tifo” è in moto e una certa fascia di pubblico, quella dei giovanissimi, probabilmente può essere conquistata più facilmente con gli sport elettronici, da qui gli investimenti delle grandi e medie società sportive. Il secondo aspetto è che il giocatore professionista di sport elettronici deve essere anche a suo modo un intrattenitore, un comunicatore, data la grande esposizione a cui va incontro. Gli streaming su Twitch sono delle performance e il giocatore deve avere un certo tipo di sensibilità per capire su cosa fare leva per coinvolgere il suo pubblico. Non si tratta solo di fare tornei in giro per il mondo. Lo tenga bene a mente chi vuole formarsi (e magari spendere) in scuole o corsi per entrare in un settore.

 

Le professioni all’interno del mondo degli eSports sono tante e richiedono competenze varie e sempre in aggiornamento. Per chi è già del settore può essere facile muoversi, e anche cambiare posizione negli anni con corsi come quelli della eSports Academy di Milano. Ma se un giovane vuole iniziare ora da dove conviene puntare? La figura più affascinante è sicuramente quella del pro player, ma si sa, non è da tutti arrivare a competere a certi livelli e, in ogni caso, è una carriera solitamente breve. Ecco che probabilmente conviene essere realisti e sviluppare altre competenze, magari nel più ampio mondo del gaming, anche mentre si continua a giocare inseguendo migliori risultati.

L’IDEA: ALTERNANZA SCUOLA GIOCO/LAVORO

Un ragazzo che voglia farsi notare deve prima far parte di una community. Esistono proprio delle community per creare le opportunità di crescita per chi è interessato e bravo. Per un’organizzazione come la nostra il business è proprio quello di cercare la prossima star, che abbia una ‘success story’  improntata sul talent scouting più che su corsi veri e propri, almeno in questa fase iniziale. Imprescindibile è lo studio approfondito del gioco su cui si vuole competere: “Bisogna studiare per essere forti: non è scontato che un ragazzo così giovane abbia una forma mentis per mettersi a studiare, perché pensa di essere tornato a scuola. Noi abbiamo una community sul server di Discord, già lì sappiamo chi sono le persone che potrebbero competere. Facciamo una selezione facendoli venire da noi in gaming house. Organizziamo poi tornei nella nostra community, gli 8-10 che hanno i migliori risultati vincono l’esperienza di Academy in OCmania “per l’occasione è stata allestita anche una sala lan, quindi un laboratorio pratico che sarà il luogo dove i ragazzi si metteranno all’opera per la composizione della squadra. Una cosa però deve essere chiara: non si gioca, si studia” ESPORTS ALLE SUPERIORI – “eSport Class”  valorizzazione della cultura del videogioco ed eSports. L’eSport diventa a tutti gli effetti una disciplina come le altre classiche materie di studio, saranno infatti 1600 le ore di didattica, distribuite in 4 anni. Una materia che sarà introdotta nel percorso scolastico dei grafici, elettronici e informatici. Terremo quindi lezioni, interrogazioni, compiti in classe, incontri con i genitori, collegio dei docenti”. In particolare i ragazzi studieranno da vicino le figure professionali del settore: manager, coach, analyst, si terranno delle simulazioni pratiche con lo scopo di trasmettere agli studenti le skill di base richieste dal mondo del lavoro per mezzo dell’eSport.Durante questo percorso di studi saranno aggiunte, insieme chiaramente alle altre “classiche” materie, delle ore pratiche che serviranno per creare la prima squadra eSport scolastica nata in un istituto in Italia, mettendo in pratica le nozioni assimilate durante le ore di lezione.

metodologie di allenamento, preparazione dell’atleta e psicologia dello sport. Lo scopo è formare la figura dell’allenatore con una certificazione, così che in futuro potrà svolgere l’attività in una squadra oppure insegnare e proporre un suo corso nella zona in cui abita, ad esempio in circoli, sale lan, palestre, eventualmente anche online. “Il nostro obiettivo è diffondere l’attività sul territorio tre percorsi di alternanza scuola-lavoro dedicati al mondo del gaming: Programmazione, Grafica 3D e Game Design. Un’opportunità per approcciare con serietà alcune delle professioni più richiesta da un mercato che, solo in Italia, ha registrato un volume d’affari superiore a 1,5 miliardi di euro solo lo scorso anno.

Indipendence Gaming come comunita indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana

Indipendence Gaming sarà una struttura che racchiuderà al suo interno varie realtà accomunate dalla stessa passione: il mondo dei videogiochi competitivi. Il fiore all'occhiello e casa dei team di videogiocatori professionisti sponsorizzati da vari multinazionali come Omen by HP e altri fornitori come Marvo e MSI. La Gaming house sarà una sede di allenamento per i ragazzi e anche un luogo di aggregazione, di apprendimento e divertimento per tutti gli appassionati di videogiochi. Il cuore pulsante del TRUCK di nuova concezione dove Gaming, hardware, food e divertimento si mischieranno per dar vita ad una nuova esperienza. Il Gaming center sarà dotato di tantissime postazioni da gioco all’avanguardia ospiterà ben 10 postazioni di gioco su PC, ma non mancheranno le console PlayStation 4, Xbox One X e Nintendo Switch. I partecipanti potranno condividere la grande passione per i videogiochi con la community di OC-MC gaming, prendere parte a tornei amatoriali e competitivi oppure limitarsi a provare i titoli presenti. Non mancheranno neppure alcune postazioni dedicate alla Realtà Virtuale, nella quale i giocatori saranno liberi di immergersi. Poteva non esserci un OCmania Shop? Gli utenti del pro gaming center troveranno anche un truck interamente dedicato al mondo del PC Gaming dove poter assemblare in real time il proprio PC OC Gaming oppure acquistare nuove periferiche. Non è finita qui, sarà presto disponibile anche un grande studio di registrazione dedicato al video editing e streaming, disponibile per chiunque ne farà richiesta. Sarà possibile registrare con luci e attrezzature professionali, lavorare al montaggio video oppure organizzare live streaming di grande qualità. Insomma, pro gaming center sarà un posto magico dove poter guardare, imparare, giocare e nel frattempo mangiare buon cibo e degustare ottime bevande. Una nuova casa per tutti gli appassionati di videogiochi, competitivi e non solo! Assemblaggio Live Vuoi assemblare da solo il tuo PC ma non sai da dove partire? Vuoi avere consigli tecnici per ottenere il massimo delle prestazioni e un ottimo cable management? Allora l’iniziativa Assemblaggio Live di indipendence Gaming è proprio quello che fa per te! A tua disposizione avrai tutti gli attrezzi necessari ed un banco di assemblaggio dedicato nei nostri negozi. Potrai chiedere ad uno dei nostri tecnici di aiutarti, oppure anche solo qualche consiglio. Se preferisci invece, il tecnico potrà assemblare direttamente il PC in tua compagnia, spiegandoti nel dettaglio come si collegano i vari componenti hardware e la loro funzionalità all’interno di un PC. Youtubers e Twitch Area Volete intraprendere la Carriera di Youtuber ma non avete materiale, attrezzatura o spazio dove realizzare il vostro video? NESSUN PROBLEMA! Mettiamo a disposizione un’area dove sarà possibile registrare video recensioni, unboxing e test di prodotti messi a disposizione da OCmania. Due volte a settimana e solo tramite prenotazione, sarà possibile recarsi presso uno dei negozi aderenti più vicini per realizzare un video da pubblicare sul vostro canale Youtube!! Ogni settimana metteremo a disposizione componenti ed accessori, come tastiere, mouse, cuffie, schede madri, schede video ecc..ecc.. oltre che ad un PC per effettuare il montaggio del vostro video ed un kit di ripresa composto da videocamera e luci per realizzare il tutto al meglio. Vi basterà recarvi presso il negozio selezionato negli orari forniti e cominciare a registrare, non vi rimarrà altro che avere tanta fantasia ed originalità per poi montarlo e caricarlo sul vostro canale youtube! Tra quelli più belli e simpatici settimanalmente verranno selezionati dei video da pubblicare sui social media di Ocmania. Ogni settimana verrà pubblicato l’elenco del materiale disponibile. Nessuna spesa e’ richiesta, il servizio è completamente gratuito.

 

Lan esport scolastica: i dettagli Diffondere la cultura esport e la professionalizzazione dello stesso in Svizzera Italia è sempre stato il nostro obiettivo primario.

Era il 1971 quando si inaugurava un nuovo settore dell’intrattenimento, con la produzione del primo videogioco della storia. I ragazzi di allora sono oggi ultracinquantenni e i videogiochi sono sempre più strumenti di uso quotidiano, con penetrazione e fatturato che superano quelli del cinema e, secondo alcuni, con elevata dignità culturale. Ma attorno ad essi è ancora possibile costruire relazioni tra giovani e adulti, grazie alle quali negoziare regole, norme, ruoli, identità e valori, facendo esperienza di socialità e solitudine, di apprendimenti formali e informali? Per rispondere a questo quesito, si sono confrontate a Bellinzona Rosy Nardone, ricercatrice e pedagogista; Filippo Zanoli, giornalista digitale e specialista di videogiochi; Daniele Parenti, direttore del CERDD e Alessio Petralli, direttore della Fondazione Möbius, con l’introduzione e la moderazione di Stefano Vassere, direttore della Biblioteca cantonale di Bellinzona. L’attenzione era rivolta in particolare all’opportunità di pensare a nuovi modelli per una didattica delle relazioni tra genitori e figli, tra insegnanti e ragazzi, per colmare l’assenza del mondo adulto da questi ambienti videoludici e di socialità. I nativi digitali hanno diritto e necessità di adulti consapevoli che li sostengano nella costruzione delle loro esperienze in questi media e delle norme di comportamento per affrontarle. Una vita che i videogiochi di qualità contribuiscono a rendere affascinante, proponendo mondi possibili da conoscere in prima persona. «Molti genitori di oggi sono o sono stati videogiocatori» ha commentato Alessio Petralli «e pertanto è necessario superare la ormai obsoleta categoria di una incomunicabilità tra adulti e ragazzi su questo tema». Il dibattito sarà arricchito da una retrospettiva sui migliori videogiochi del 2017. Rosy Nardone, è ricercatrice e pedagogista dell’università “G. D’Annunzio” di Chieti-Pescara; Filippo Zanoli, giornalista digitale per Ticinonline e specialista di videogiochi. L’incontro che si e tenuto nell’ambito del ciclo “Il futuro digitale prossimo e venturo” (6), frutto della collaborazione tra le Biblioteche cantonali, la Fondazione Möbius, Coscienza Svizzera e il Centro di risorse didattiche e digitali. Quattro osservatori che contribuiscono a fornire strumenti di interpretazione della società digitale attraverso un dibattito arricchito da prospetti- ve e strumenti propri di ognuna delle istituzioni. Tutti i dettagli sulle attività della Fondazione e sulle iniziative sono disponibili su: www.moebiuslugano.ch La prima alternanza scuola/lavoro di indipendence gaming usando “Il futuro digitale prossimo e venturo” avenuto negli spazi della Biblioteca cantonale di Bellinzona con un tema transgenerazionale: i videogiochi. Vorremo inaugurare la Esport Class. Creare in tutto per tutto una classe scolastica con un fine educativo e formativo attraverso le tematiche del mondo esport. Sono stati scritti molti articoli a riguardo (ringrazio tutti voi per aver scritto di questo) e molti dettagli comunicati in questi articoli non sono del tutto veri. Oggi voglio darti tutte le informazioni necessarie per capire a cosa serve la esport class. Iniziamo! Procederò per punti in maniera che sia più semplice per me comunicarti le informazione e più schematico per te leggere tutto: Nella esport class non si parlerà di videogiochi, solo esport: tutte le tematiche trattate coinvolgeranno il mondo esport a 360 gradi. Parleremo dell’espetto Business, della costruzione della propria struttura, delle figure professionale e di tutti gli aspetti lavorativi e teorici che questo mondo può condividere con i settori lavorativi convenzionali. Gli indirizzi coinvolti saranno quelli di informatica, elettronica e grafica Le attività nella esport class saranno di 2 diverse tipologie: Programma Educativo Formativo: in orario mattutino le classi coinvolte vedranno illustrata la teoria che sta dietro a questo settore e tutti gli aspetti lavorativi di questo mondo. Iniziando dall’ illustrazione dell’ecosistema, passando attraverso la creazione di un Business Plan dedicato, la creazione di eventi, la gestione del tempo di lavoro, le problematiche, le nozioni di Marketing, le problematiche, arrivando a mettere le basi per la creazione del proprio progetto. Voglio precisare inoltre che il programma educativo sarà coinvolto nel programma didattico e quindi inserito come le altre materie tra, ad esempio, la matematica e l’italiano! Programma Pratico: Il laboratorio pomeridiano coinvolgerà solo chi si iscriverà alle attività pratiche, cioè solo chi sarà più interessato ad approfondire ciò che si è visto illustrare nelle ore mattutine. Innanzitutto verrà creato un gruppo di lavoro completo di staff, giocatori e tutto l’occorrente per rappresentare una struttura esport completa. In questo gruppo ognuno degli studenti rappresenterà la propria figura di riferimento, qualcuno sarà il Manager, altri i Coach ed altri gli Analyst. Inoltre è stato coinvolto anche l’indirizzo grafico proprio per dare la possibilità al progetto di farsi conoscere attraverso le comunicazioni e le attività di marketing che studieranno appositamente. Da qui prenderà vita il progetto della squadra dell’istituto. I grafici cureranno logo, marketing e la creazione dei contenuti, i Manager si interfacceranno con le organizzazioni, oltre che mettere su carta il progetto da presentare, i Coach creeranno i programmi di allenamento e seguiranno passo passo i progressi dei giocatori, gli Analyst profileranno i membri della squadra e creeranno le schede dei diversi avversari da affrontare. Tra le altre attività cercheremo di coinvolgere anche strutture e professionisti esterni, che possano condividere il loro know-how e raggiungere anche questa fetta di potenziali appassionati. Gli studenti inoltre, periodicamente, dovranno creare eventi all’interno della scuola per coinvolgere il maggior numero di studenti ai diversi tipi di attività. Queste sono le attività base per la quale la esport class è stata creata: la divulgazione dello sport elettronico attraverso la prova sul campo della professione.

Piacerà? Al momento il programma è piaciuto sia ai docenti sia agli alunni. Ci sarà da lottare per le discipline coinvolte, ma siamo fiduciosi che i ragazzi possano adattarsi secondo le esigenze del programma educativo Ma qual é il nostro obiettivo? Portare questo progetto in più istituti, creando una lega scolastica minore fatta di studenti che vogliono competere nel nome della propria scuola. Una sorta di trofeo alla “Harry Potter”, in cui il migliore istituto vincerà l’ambito premio nazionale. Ulteriori informazioni verranno comunicato in seguito, perché stiamo continuamente adattando il programma educativo e facendo studi sugli interessi degli studenti e dell’istituto. Siamo però convinti sia un’iniziativa importante sia per la scuola sia per l’esport nazionale, ottenendo il mezzo che potrebbe appassionare gli interessati qualche anno prima del solito, abbassando la media d’età del panorama Italofono.

 

OCmania ha in progetto la promozione di eventi e tornei e-sport contando della collaborazione con i truck e eventi già presenti e conosciuti come la Fiera del Fumeto a Lugano, il Japan Matzuri, l'Espoticino e organizzando l'evento  dedicato all’entertainment a 360°. 

OCmania organizza l’area delle competizioni videoludiche nell’Area Videogiochi dei vari eventi, intrattenendo rapporti di co-promozione con le principali imprese attive nell’eSport in Svizzera.

Le attività svolte durante questi mesi hanno coinvolto a 360 gradi tutte le tipologie di giocatori e Community, dai più esperti ai casual, dagli amanti degli sopratutto, dei giochi strategici e sportivi sino ai più giovani attirati anche dalla presenze degli Youtuber più conosciuti! La nuova edizione ripartita in questi giorni si è arricchita di un maggior numero di postazioni da gioco, dando uno sguardo al mercato PC in grande ripresa grazie anche ai fenomeni e titoli come FIFA 20, Fortnite, League of Legends e Counter Strike, senza tralasciare quelli per Console come Super Smash Bros, Splatoon, Mortal Kombat X e Pokémon. Il Battle Bus, oltre ad essere un luogo dove i videogiocatori possono provare le ultime novità videoludiche e tecnologiche del momento, si presta anche come una palestra per i player che vogliono entrare nel mondo dell’e-Sports competitivo permettendo loro, sia individualmente che in team, di radunarsi ed allenarsi con i giusti strumenti a disposizione. Tra le riconferme, durante i prossimi mesi sono in programma le lezioni di Coaching da parte di importanti Pro Player e da Psicologi finalizzate a migliorare il proprio rendimento e l’approccio dei giocatori al mondo dei videogames!

I player di Battle Bus potranno sfruttare tutte le potenzialità delle postazioni di ultima generazione targate OCMania grazie anche ad una connessione a fibra altamente performante e dalla nuova 5G in fase in ampliamento. Gli orari delle attività durante il weekend si spingeranno anche oltre le 02.00, trasformando così il truck in una valida alternativa per trascorrere un’intera giornata assieme ai propri amici. All'interno della Location è presente uno Store con un vasto catalogo di periferiche ed accessori gaming in linea con le ultime novità e tendenze del settore. Per questa nuova edizione, che si concluderà a settembre 2019, lo Staff punta al raggiungimento di 30.000 visitatori nell’arco dell’anno, grazie alle numerose giornate speciali, alle ospitate di personaggi di spicco, ai contenuti esclusivi proposti ed alle numerosissime attività torneistiche in programma.

OCmania ha sempre promosso, tramite raduni, conventions e tornei, i valori della sportività e della socialità presso i giovani in Ticino e non solo.

Si vuole allestire un gaming truck stile Battle bus (fortnite) da portare negli eventi per tutta la Svizzera e i paesi confinanti come nel territorio nazionale è presente con attività di vario genere e collabora, monitora ed è presente in tutti gli eventi più importanti del settore videoludico. Mira da sempre a formare e organizzare nuove figure professionali in ambiti vari come: Tecnico IT e elettronico, Regia di Live Streaming, Giornalismo videoludico e Telecronaca. Gestisce club atletici di eSport in competizioni dimostrative, amatoriali, dilettantistiche, universitarie e professionistiche.

Questa realtà consolidata è stata raggiunta con un uso coscienzioso della tecnologia e dei social networks; ma col fine di dare uno “spazio reale” alle attività online, in un progetto di sinergia tra reale e virtuale.

Aiuti finanziari con collaborazioni in istituzioni private per progetti d’importanza nazionale che favoriscono la partecipazione attiva dei giovani (art. 8 cpv. 1 lett. b, LPAG) si porta la famiglia a conoscenza sui temi del mondo digitale e come accedere all'intrattenimento a casa o in viaggio.

I media digitali affascinano i bambini fin dalla tenera età: sempre più precocemente smartphone, tablet e TV entrano a far parte del loro quotidiano e spesso vengono utilizzati assiduamente. Presso l’Infocafé e cafe’ riparazione potrete ottenere consigli concreti su come affiancare i vostri bambini nel loro percorso di scoperta dei media. Gli esperti della OCMC Academy vi forniranno entusiasmanti spunti per una gestione responsabile dei media digitali e per la loro integrazione nella vita familiare di ogni giorno. Durante la pausa caffè seguente potrete fare quattro chiacchiere con genitori e nonni di bambini della stessa età dei vostri figli in merito a esempi pratici e raccomandazioni.Imparare ad ascoltare la radio e guardare YouTube come e quando desidera. Le creazioni di playlist e creare il suo repertorio musicale in tutta sicurezza e legalita'. Abbonamento dati, dati mobili, fibra ottica, WLAN, 4G/5G, telefonia IP, router: tutti concetti di cui pullulano oggi le pagine di giornali e opuscoli, difficili da comprendere senza conoscenze pregresse in ambito tecnico. Apprendete quanto c’è da sapere riguardo a questi concetti nei workshop e nostri Info-Café e caffè riparazione.

OCmania Academy

 

Internet offre molti vantaggi, ma comporta anche rischi che dovrebbero essere noti: Accesso di estranei alla posta elettronica, uso improprio della carta di credito o furto di dati privati. Scoprite di più sulla vostra identità digitale, sull'abuso dei dati e su come proteggervi con password intelligenti e software di sicurezza. In seguito, durante il caffè, potrete scambiare idee con i nostri formatori esperti sull'argomento.

 

Info-Café è il primo dei tre corsi di OCmania Academy sulla “Sicurezza su internet”. Al termine vi consigliamo i corsi “Sicurezza su internet - Modulo 1” e “Sicurezza su internet - Modulo 2”, durante i quali i temi esposti nell’Info-Café verranno approfonditi e spiegati esaustivamente in piccoli gruppi. Ovviamente potete decidere di frequentare dei singoli corsi anche se non avete conoscenze pregresse.

 

Che cosa è una password sicura? Come posso proteggermi dal phishing? Quali connessioni internet sono sicure? Internet e le possibilità offerte dal mondo digitale possono essere molto entusiasmanti, ma per poterle usare senza preoccupazioni è necessario fare attenzione. Durante questo corso scoprirete come proteggere in modo concreto i vostri dati da accessi non autorizzati.

 

Quali tracce digitali lascio in rete? Come posso proteggere la mia privacy? Quali dati indicare? Internet e le possibilità offerte dal mondo digitale possono essere molto entusiasmanti, ma per poterle usare senza preoccupazioni è necessario fare attenzione. In questo corso acquisite ulteriori conoscenze sulle tracce digitali e sulla privacy in internet. I esperti di OCmania Academy vi mostreranno quali dati sono realmente necessari per i servizi online e quando è il caso di specificarne l'ubicazione. Lo smartphone vi offre tante nuove opportunità di comunicare. Grazie ad app utili comunicate gratuitamente e Rimanete in contatto con amici e parenti. Nel corso scoprite tutto sulla comunicazione con WhatsApp, comprese le impostazioni e nuove funzioni. I nostri istruttori competenti vi forniscono inoltre un’introduzione ai social network come Instagram e Facebook.nel cloud le foto contenute sullo smartphone, come ordinarle e come accedervi da tutti i dispositivi. Inoltre, i nostri istruttori competenti vi illustrano le svariate possibilità di elaborazione e vi spiegano come condividere le foto con amici e familiari nonché come presentarle su OCTV. OCloud mettete al sicuro i vostri ricordi più belli su server svizzeri. In questo corso pratico scoprite come salvare e sapere che potete utilizzare lo smartphone anche all’estero senza pensieri? Scoprite come navigare e comunicare

in tutto il mondo a prezzi convenienti e come utilizzare le migliori app da viaggio. Gli istruttori OCmania Academy vi spiegano inoltre come fare per orientarsi sulle mappe all’estero, anche senza connessione dati, e come navigare con lo smartphone. Dopo aver frequentato il corso utilizzerete il vostro smartphone all’estero a cuor leggero, senza il timore di far lievitare i costi.

I temi dei corsi puntano a gestire e:

  • Sapere come tenere sotto controllo i costi della comunicazione mobile all’estero

  • Conoscere le opzioni per navigare all’estero (roaming e WLAN)

  • Essere in grado di usare le mappe offline e Conoscere le app per la navigazione

  • Conoscere le app da viaggio per trascorrere vacanze spensierate

  • Essere in grado di configurare e utilizzare OCloud sullo smartphone

  • Sapere come salvare automaticamente le foto e accedervi ovunque voi siate

  • Essere capaci di ordinare automaticamente i vostri contenuti preferiti

  • Sapere modificare le immagini in maniera creativa

  • Essere in grado di condividere i ricordi con amici e familiari e di creare presentazioni

  • Sapere come inviare foto e messaggi tramite WhatsApp

  • Essere in grado di creare chat di gruppo su WhatsApp

  • Conoscere le principali impostazioni di WhatsApp

  • Sapere come utilizzare Skype per le telefonate, anche all’estero

  • Avete una buona conoscenza dei social media quali Instagram e Facebook

  • Conosce i suoi diritti come utente internet ed è consapevole della sua impronta digitale

  • Apprende come poter ridurre le sue tracce in internet.

  • Sa quali dati personali deve fornire per le applicazioni

  • Sa quando è il caso di indicare la sua sede.

  • Imparerete a creare e gestire le password in modo intelligente

  • Sarete in grado di riconoscere diverse forme di frode informatica, come il phishing, e Sapere proteggervi

  • Sapere come evitare di ricevere e-mail di spam e chiamate indesiderate

  • Sapere navigare in internet da e fuori casa in modo sicuro

  • Conoscere le regole base e le applicazioni per proteggere i vostri apparecchi da attacchi informatici

  • Ricevere preziosi consigli su come muoversi in sicurezza online

  • Imparare a creare una password sicura

  • Conoscere il software di sicurezza e come funziona.

  • Conoscere i termini phishing, spyware, malware e virus informatici

  • Imparare a conoscere il significato di questi concetti dal mondo digitale.

  • Apprendere quali tecnologie potreste utilizzare in futuro.

  • Imparare quali vantaggi vi offrono queste tecnologie.

  • Imparerete cosa è opportuno tenere a mente quando i bambini utilizzano smartphone, internet, videogiochi e TV.

  • Sapere come fungere da modello nel mondo digitale in qualità di genitori o nonni.

  • Apprenderete consigli circa regole nella gestione dei media.

  • Verrete a conoscenza di quali possibilità tecniche si possono adottare a tutela dell’infanzia.

  • Saperne di più su Internet Radio

  • Sapere come trovare, ascoltare e vedere la sua musica e il suo cantante preferito.

  • Sapere usare Netflix, Spotify e YouTube

  • Alleni la sua memoria divertendosi

Workshop sulla Stampa e presentazione delle fotografie

OCmania Academy vi mostreranno come, partendo dalle migliori foto delle vostre vacanze e dai vostri ricordi più belli, in pochi passaggi potrete ottenere dei prodotti fotografici sorprendenti. Inoltre imparerete a creare una storia fotografica con sottofondo musicale e a condividerla con i vostri cari. Vi mostreremo alcune app utili che vi aiuteranno a creare un breve video partendo dai vostri scatti migliori e scoprirete come presentare le vostre foto nel modo più efficace.

Foto professionali con lo smartphone

Rendete ancora più preziosi i vostri ricordi più belli. Scoprite attraverso il nostro corso come utilizzare correttamente la fotocamera dello smartphone per ottenere delle belle foto d’effetto. I nostri formatori esperti vi mostreranno nel dettaglio le funzioni migliori della fotocamera dello smartphone per ottenere effetti sorprendenti. Inoltre imparerete come ottenere il massimo dalle foto scattate con il vostro smartphone attraverso alcune app selezionate da utilizzare durante e dopo lo scatto.

 

  • Ricevere consigli e suggerimenti per ottenere foto migliori con lo smartphone

  • Imparerete come scattare le foto nel modo giusto in base alle diverse condizioni di luce

  • Sapere applicare effetti sorprendenti

  • Imparerete a conoscere utili app per le foto

  • Imparerete a creare sorprendenti libri e altri prodotti fotografici con le foto del vostro smartphone

  • Imparerete a creare una storia animata con le vostre foto e ad aggiungere testi e musica

  • Imparerete a stampare le foto scattate con lo smartphone

  • Imparerete a presentare in modo efficace le vostre foto più belle

  • Imparerete a conoscere alcune app utili per presentare le foto

Workshop sulla stampa 3D

questa tecnologia, apprendete fatti interessanti sulla storia della stampa tridimensionale e Imparare a sviluppare i vostri modelli. Inoltre, i nostri esperti vi svelano alcune dritte degli addetti ai lavori, come ad esempio dove è possibile stampare un progetto a basso costo in un’ottica sostenibile, e rispondono a tutte le vostre domande. Tutti i partecipanti si portano a casa un piccolo oggetto in 3D di loro ideazione, fresco di stampa. Questo workshop vi consente di comprendere appieno la rilevanza della stampa 3D e di acquisire nella fase di progettazione una spiccata sensibilità per la materia.

  • Conoscere le origini e la storia della stampa 3D

  • Sapere creare i vostri oggetti

  • Conoscere i siti dai quali è possibile scaricare modelli 3D gratuiti

  • Essere in grado di stampare un vostro oggetto

  • Conoscere i trucchi sulla stampa 3D degli addetti ai lavori

Workshop sui video

workshop scoprite come creare video eccellenti utilizzando gli strumenti giusti. Gli istruttori di OCmania Academy vi spiegano tutti i trucchi per girare filmati con lo smartphone: dall’idea, alla produzione fino al taglio. A tal fine avete a disposizione diversi accessori. Dopo aver seguito il workshop, sarete in grado di usare lo smartphone per creare video in modo più mirato e competente, ma soprattutto più entusiasmante.

 

  • Conoscere le basi della videoproduzione con lo smartphone

  • Conoscere le varie fasi della produzione di filmati e le Sapere applicare

            ✓ Sviluppo dell’idea/del copione

            ✓ Pre-produzione: preparazione delle riprese

            ✓ Produzione: registrazione delle sequenze grezze

            ✓ Post-produzione: elaborazione del materiale girato

  • Sapere come impiegare gli accessori quali cavalletti, microfoni e lenti

©2020 di OCmania. Le immagini e i loghi presenti sul sito www.overclockersmania.it e www.ocmania.com sono da considerarsi a titolo puramente dimostrativo e appartengono ai rispettivi proprietari. Le informazioni riportate sul sito www.overclockersmania.it e www.ocmania.com possono subire variazioni senza alcun preavviso. © Overclockersmania. P.IVA IT03558490920 REGISTRO IMPRESE CHE.215.125.002

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now