top of page
  • Immagine del redattoreTom

IL web 3.0

è caratterizzato da una maggiore consapevolezza, e conseguente superiore controllo, dei fruitori riguardo i contenuti e dall’evoluzione grafica dal 2D al 3D. Il termine, introdotto nel 2006 dal web designer Jeffrey Zeldman, ha alimentato un dibattito che ha avuto per protagonisti storiche figure di Internet (da Tim Berners-Lee a Reed Hastings sino a Jerry Yang). I principali aspetti evolutivi del web 3.0 possono essere individuati come segue: , in cui i contenuti non sono più costituiti da pagine HTML ma da un database sottostante che permetta ricerche più approfondite e accurate; intelligenza artificiale, associata a una più strutturata archiviazione dei dati per cui si intravede la possibilità di sviluppare motori di ricerca che consentano l’interrogazione attraverso il linguaggio naturale e il reperimento delle informazioni secondo approcci orientati a sfruttare l’intelligenza artificiale per meglio individuare le necessità e i gusti degli utenti secondo il loro comportamento in rete; maggiore capacità di calcolo e nuovi algoritmi volti alla costruzione di ambienti 3D realmente utilizzabili (evoluzione di quello che è stato il tentativo di Second Life).

Contesto e orizzonti del web 3.0. ‒ I servizi web di terza generazione si focalizzano su un punto essenziale, l’intelligenza artificiale applicata alle risorse del web. Il cosiddetto web semantico, grazie al quale sistemi automatici potranno interagire con l’uomo in maniera evoluta, avrebbe il beneficio di sfruttare un enorme bacino sia di dati sia di utenti, e quindi costruire archivi giganteschi in cui conservare informazioni semplici e strutturate, ed estrarle per comunicare con l’uomo. L’algoritmo di ricerca di Google ha dimostrato l’importanza della quantità statistica dei dati per far emergere un significato, perlomeno lessicale e categoriale. Il web semantico potrebbe avere questo come punto di forza, per esplicitare una semantica più precisa, decomponendo frasi, assegnando ruoli, fino a intavolare un vero e proprio dialogo uomo-macchina, analogo a quello del test di Turing. Occorre precisare, mettendo in rilievo non solo un’ambiguità di traduzione ma la metodologia e le strategie a monte di questi sistemi, che il termine originale semantic web non sta a significare genericamente tutto il web semantico (ossia l’insieme dei servizi e delle strutture in grado di interpretare il significato di contenuti del web), ma rappresenta una definizione precisa, con trademark associato, coniata da Timothy J. Berners-Lee, creatore del primo sito web nonché direttore del W3C. Secondo questa accezione, il semantic web è un insieme di tecniche e metodologie, appartenenti al dominio della logica, che costituiscono solo una parte dei possibili approcci al problema (gli altri sono statistici, geometrici, ecc.). La precisazione non è capziosa, come potrebbe apparire a un primo esame, perché segna la separazione tra un tipo di pensiero che aspira a diventare dominante, in quanto sostenuto da organizzazioni e finanziamenti, e uno alternativo, meno istituzionale e programmatico, ma forse più flessibile e quindi più adatto all’interpretazione semantica del web. Il web è composto da una moltitudine eterogenea di risorse e, grazie alla loro evoluzione organizzativa, rimane strutturalmente stabile, pur mantenendo elevati volumi di crescita. Alcune di queste risorse, come i siti governativi e istituzionali, sono portali giganteschi gestiti e mantenuti da strutture dedicate; altre, come la cosiddetta blogosfera, sono costituite da una moltitudine di gerghi, varia ed eterogenea sia nei contenuti sia nei formati adottati. Il semantic web, proprio perché dotato di una natura più rigida, basata su tassonomie informatiche che richiedono alti controlli di validazione e connessioni logiche ben definite, può fornire migliori risultati nel primo gruppo di siti, dove i contenuti sono stabiliti e certificati, ma nel secondo è destinato a soccombere. Per poter funzionare efficacemente, occorrerebbe imporre a ogni blogger un investimento di tempo e denaro per adeguarsi ai vincoli del semantic web davvero difficile da sostenere. Basti osservare che persino in un ambito più strutturato rispetto alla blogosfera generale, come quello dei social networks, un solo ambiente di progettazione (ODS, Openlink data space) è in grado di supportare gli standard del semantic web. Probabilmente questo panorama non favorisce la diffusione di applicazioni semantiche, sebbene siano state preannunciate come vincenti (killer applications) sul mercato del web 3.0. Un esempio può essere riscontrato nella scarsa diffusione dei chatterbots (o chatbots), ossia programmi che simulano una conversazione intelligente con l’utente. L'orizzonte di sviluppo del web 3.0 si amplia al tema dell’interazione uomo-macchina, un aspetto che il web 2.0 sostanzialmente non affrontava. Alla luce di questa integrazione, il web semantico potrebbe confluire nel destino degli avatar, le figure grafiche animate che troviamo sul sito di Second life e in una moltitudine di videogame, per metterli in condizione di dialogare in maniera intelligente con l’utente umano (non a caso l’accezione web 3.0 è estesa oggi anche alle applicazioni di grafica 3D). La costruzione di Web3 e il suo totale decentramento non dipende solo dalle grandi reti di nodi, dalla tecnologia blockchain all'avanguardia e potente smart contract, piuttosto dipende dalla capacità di utilizzare tutto questo per costruire strutture che facilitino lo sviluppo di applicazioni e servizi Web3 a cui è possibile accedere in modo rapido, semplice e sicuro, ed è qui che entrano in gioco i nomi di dominio. NFT. Che cos'è un nome di dominio NFT? Un nomi a dominio NFT, non è altro che un record strutturato di dati in cui possiamo ottenere le informazioni di una persona, organizzazione, sito Web o applicazione, insieme ai dati necessari per contattarla e altri dati di grande interesse a riguardo. Ad esempio, i nomi di dominio NFT potrebbero avere tra i loro dati, l'indirizzo e-mail di una persona, la sua chiave pubblica PGP, insieme a un codice BIP-47 per pagamenti sicuri in Bitcoin e un record IP DNS per un blog o un sito Web. Fondamentalmente, un dominio NFT è un record DNS tradizionale a cui possiamo accedere in qualsiasi momento utilizzando applicazioni appositamente progettate per gestire questi record NFT. Ricordiamo che i record DNS tradizionali sono essenziali per il funzionamento di Internet come lo conosciamo oggi. Ogni volta che apriamo un browser Web e navighiamo nell'enorme oceano di Web che compongono Internet, i DNS sono quelli che trasferiscono nomi noti come "bit2me.com" nell'insieme di dati che conosciamo come IP, e permetterci di richiedere ai server corretti i dati del Web che vogliamo connettere. In parole povere, DNS è la nostra rubrica, quella che ci consente di navigare facilmente tra centinaia di milioni di siti Web e trovare ciò che vogliamo. Con questo in mente, è abbastanza chiaro vedere come un dominio NFT possa essere utile per la costruzione di Web3, poiché ogni NFT creata è unica, e i dati in essa memorizzati non possono essere modificati unilateralmente. Non solo: facendo parte di una blockchain, chiunque può accedere al registro in qualsiasi momento, evitando la censura che spesso si vede in servizi DNS tradizionali. Pertanto, i domini NFT aprono le porte a una nuova era di servizi decentralizzati con una portata globale disponibile per tutti. Che cos'è Unstoppable Domains? Domini inarrestabili è un servizio che ci permette di creare domini NFT che vengono distribuiti sulla rete Ethereum, Poligono e Zilliqa. Il servizio permette di creare, in modo molto semplice e veloce, record DNS per siti web tradizionali o per altri servizi cripto che hanno la capacità di utilizzare la tecnologia dei servizi di nome crittografico (CNS). Lo sviluppo di Unstoppable Domains è iniziato nel 2018 sotto la guida di Matthew Gould (attuale CEO), Bogdan Gusiev (attuale CTO), Braden Pezeshki e Bradley Kam. A quel tempo l'idea era molto più semplice, consentendo di registrare nomi e dati personali che potevano essere facilmente associati a un indirizzo email. criptovaluta o per instradare connessioni a contratti intelligenti all'interno di DApp complesse. Tuttavia, l'idea era di scalabilità e ora Unstoppable Domain offre capacità uniche per registrare siti Web sia in Web2 che in Web3, fungendo da ponte tra le due generazioni e dimostrando l'enorme potenziale di questa tecnologia. È legale utilizzare domini Unstopabble? L'utilizzo di Unstoppable Domains è completamente legale, l'utilizzo del servizio non è un problema in nessuna giurisdizione. Ciò significa che puoi creare i record che desideri in questo servizio senza alcun problema, purché non commetta alcun reato in questo modo. Ad esempio, registrare un dominio di un'azienda come "Adidas", mantenendo la registrazione in "HODL" fino a quando non lo si vende a un prezzo maggiorato all'azienda se è interessata ad avere una registrazione crittografica, è un reato. Il reato è maggiore se si possiede un sito web su quel dominio e lo si utilizza per vendere prodotti o fornire servizi come se si trattasse di un partner ufficiale e autorizzato dell'azienda, truffando o svolgendo altre funzioni. Questo crimine è noto come "Cybersquatting" ed è punibile dalla legge. Altri crimini sono la registrazione di domini per utilizzarli in modo improprio per distribuire virus, creare reti decentralizzate per lo sfruttamento DDoS, ransomware o altre attività illegali. In ogni caso, non è illegale effettuare registrazioni in Unstopabble Domains per il tuo uso e divertimento, ricordati solo di fare buon uso del servizio e di seguire le regole che si applicano alla registrazione tradizionale dei domini. Quanti domini inarrestabili ci sono? Attualmente, Unstoppable Domains ha più di 1,9 milioni di domini NFT registrati, distribuiti sulle tre reti supportate dalla piattaforma (Ethereum, Polygon e Zilliqa). La maggior parte di questi record si trova sulla rete Polygon. In effetti, possiamo vedere questi registri dall'esploratore di blocchi Polygonscan, con oltre 1 milione di registri realizzati.


4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


Post: Blog2_Post
bottom of page